Dott.ssa  Daniela Destino 

Chiama: 388 8292608

mail: studionutrizione.destino@gmail.com

leggi le recensioni su   

 DOTTORI.IT      MIODOTTORE

 

 

 

LA VISITA NUTRIZIONALE

Durante il primo incontro viene effettuata un’anamnesi completa: fisiologica, alimentare e comportamentale. Vengono rilevate tutte le caratteristiche antropometriche individuali: peso, altezza, circonferenze, pliche come anche  attività metabolica e composizione corporea. Vengono esaminate la storia e le abitudini alimentari, al fine di stilare un piano nutrizionale adeguato alle diverse esigenze, personali e lavorative.

Si pongono le basi per un percorso individuale verso uno stato di benessere generale:

  • si considerano i gusti e le preferenze alimentari
  • si identificano i punti critici, gli aspetti da migliorare e le eventuali integrazioni
  • si trova un accordo su come organizzare la propria giornata tenendo conto delle    problematiche personali, eventuali patologie, situazioni lavorative e familiari
  • si indicano i primi  tentativi da fare e da testare nell’ambito di un percorso concordato e pianificato scandito da controlli successivi

TRA LA VISITA E IL PRIMO CONTROLLO

 La consegna delle Tabelle Nutrizionali e delle Schede Personali avviene successivamente a opportune valutazioni e considerazioni dei dati rilevati, generalmente a distanza di qualche giorno dalla prima visita. Nel periodo che intercorre tra l’ invio del programma alimentare e il primo controllo, si attua un cammino personale verso una nuova consapevolezza:

    • Lettura attiva del piano alimentare e riflessione sui punti di maggiore importanza approfonditi in fase di consulenza
    • Programmazione della giornata alimentare, prendendo spunto dagli esempi suggeriti e dalle frequenze consigliate
    • Attuazione di strategie personali discusse in fase di consulenza, per virare verso uno stile di vita più attivo
    • Monitoraggio alimentare e annotazione di cambiamenti o problematiche emergenti
    • Analisi personale del percorso intrapreso e inviduazione di elementi positivi sulla sfera emotiva
  • Le due settimane che intercorrono hanno lo scopo di allenare la mente ad ottenere una guida piuttosto che un programma dietetico, svincolandosi dall’appuntamento giornaliero con la bilancia

PRIMO CONTROLLO

Si chiariscono, si approfondiscono e si discutono insieme tutti i punti oggetto di riflessione personale delle due settimane intercorse. Si individuano e si valutano tutti i progressi fatti e i primi obiettivi raggiunti e si attuano ulteriori migliorie:

  • elaborazione di strategie utili personalizzate per gestire le situazioni a rischio (come mangiare, fame emotiva, occasioni sociali, viaggi e vacanze, “pensieri sabotatori”, come superare gli automatismi…).
  • individuazione degli obiettivi su cui concentrarsi di volta in volta.
  • iniziative volte a coinvolgere emotivamente  e socialmente  (incontri di gruppo, corsi di cucina salutare ) e a indirizzare verso nuovi  stili di vita e consapevolezze ( meetings con osteopati, massoterapisti e massaggiatori olistici )

CONTROLLI SUCCESSIVI

Fanno seguito una serie di controlli cadenzati, fondamentali per la buona riuscita del percorso intrapreso: attraverso i controlli successivi è possibile seguire l’individuo nel suo cammino di acquisizione di nuove e importanti regole di vita, scegliere insieme gli abbinamenti e i cibi più consoni, chiarire dubbi e risolvere problematiche, al fine di ottenere naturalmente e senza sacrifici o sforzi eccessivi, il risultato desiderato.